Una componente importante delle dispersioni termiche che si verificano in un edificio si registra attraverso i pavimenti. Le dispersioni termiche nei pavimenti avvengono nei casi di soletta a diretto contatto con il terreno, su solai ventilati non accessibili o sopra locali non riscaldati (es. garage) e su solai esposti direttamente verso l’esterno (es. piani porticati).

        La corretta progettazione dell’isolamento dei pavimenti, di edifici residenziali e industriali, coinvolge un insieme di fattori quali la resistenza termica e meccanica dell’isolante, lo spessore del massetto, la quantità di armatura ed i carichi ammissibili. L’isolante posato su un solaio può sopportare carichi permanenti di massetti e tramezze e carichi accidentali variabili a seconda della destinazione d’uso di un edificio.

        Nei casi in cui l’isolante entri in contatto con acqua (proveniente dal terreno, di condensazione, umidità di costruzione) è importante che offra sufficiente resistenza non solo alla compressione ma anche all’assorbimento.
        In generale un buon isolamento termico dei pavimenti è indispensabile per i seguenti motivi:

Benessere termico
Per assicurare il benessere termico in un ambiente la temperatura superficiale di un pavimento non deve essere molto inferiore a quella dell’aria. L’isolamento termico del pavimento deve essere progettato non solo imponendo un limite alla dispersione termica, ma anche assumendo l’obiettivo di una temperatura minima per la superficie del pavimento non inferiore di più di 2°C rispetto la temperatura dell’aria.
Cerca subito la parola
Coibentare ed isolare
2: Isolare la Pavimentazione
Per le altre schede, clicca sui seguenti pulsanti numerati
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
Condividi su Facebook
Condividi questa pagina
Aggiungici ai tuoi contatti
Formazione di condensa
In mancanza di un adeguato isolamento termico la temperatura superficiale dei pavimenti può risultare inferiore a quella necessaria per assicurare un adeguato comfort e può eventualmente anche raggiungere livelli che causano la formazione di condensa.
Risparmio energetico
La normativa italiana sul risparmio energetico degli edifici, L. 10/91, impone un limite alle dispersioni di calore e pertanto impone di isolare termicamente le strutture. L’isolamento dell’interpiano è inoltre regolamentato per legge in presenza di sistemi di riscaldamento familiari autonomi.


(fonte: Styrofoam)