Prima di passare alla descrizione, bisogna subito precisare che la realizzazione di un soppalco comporta un aumento della superficie abitabile; di conseguenza, legalmente parlando, si ha un incremento della superficie abitabile e, quindi, dei millesimi del locale, che andrebbe regolarizzato.

        Inoltre, bisogna tenere presente che i Regolamenti.Edilizi comunali e le N.T.A., nonche' il DM Sanita' del 5-7-1975, stabiliscono un’altezza minima per i locali abitabili, tipicamente pari a mt. 2,70 (nei comuni montani siti ad oltre 1000 mt slm, detta altezza minima è tipicamente di mt. 2,55) -ad eccezione di corridoi, disimpegni, bagni e ripostigli, per i quali vige h min 2,40 mt-. Alla luce di quanto esposto, potrebbero essere soppalcati solo quei locali che abbiano altezza complessiva –tra pavimento e soffitto– sufficiente a far rispettare i suddetti limiti d’altezza.

        Ciò premesso, la realizzazione di un soppalco non presenta, in genere, particolari difficoltà. La cosa fondamentale e' quella, naturalmente, di doverlo "ancorare" a pareti portanti (o divisorie), in base ad un progetto preliminare che tenga conto delle sue dimensioni e dei materiali in cui vien realizzato.
A tal riguardo, un soppalco puo' essere strutturalmente paragonato a tutti gli effetti ad un solaio: rimandiamo, quindi, alla lettura della pagina sui solai per l'analisi delle relative caratteristiche.

        Per evitare di appesantirlo eccessivamente, inoltre, bisognerà predisporvi solo un arredamento “essenziale”.








Realizzare un soppalco con struttura in legno

        Il soppalco che di seguito analizziamo è stato realizzato totalmente in legno (è stato usato l’abete, per la sua buona resistenza e contenuto prezzo), col supporto di squadre ad L in acciaio. Ciò ha consentito di evitare quasi totalmente opere murarie, dal momento che, come si vedrà, esso è stato letteralmente ancorato alle pareti circostanti.

        La prima operazione da fare è quella di misurare accuratamente l’area da soppalcare e di redigere uno schema della struttura portante. A tal proposito si evidenzia che, se la campata eccede i 3 metri, e' consigliabile "rinforzare" la struttura con appositi pilastri in legno intermedi (alla base dei quali van disposte adeguate piastre, onde evitare il pericoloso fenomeno del carico concentrato).

        Redigere lo schema della struttura portante consente di avere un quadro completo sia in capo ai quantitativi di legno da usare (e quindi del prezzo), che delle relative dimensioni. Inoltre, grazie a tal schema progettuale, si perverra' ad una notevole semplificazione del lavoro, giacchè molti elementi si potranno portare in cantiere già tagliati alla giusta misura, secondo le indicazione dello schema stesso.
Costruzione di un soppalco
Esempio di realizzazione

        Innanzitutto, son stati realizzati e disposti i pilastri di sostegno, fissandoli al pavimento a mezzo di una piastra d’adeguate dimensioni e ancorandoli alla parete.
        Poi, dopo aver effettuato i fori, e' stata ancorata la prima trave alla parete per mezzo delle citate squadre ad L; con lo stesso sistema son state unite tra di loro le varie travi, utilizzando travicelli pretagliati alla giusta dimensione.


Analogamente, si e' proceduto al montaggio delle successive travi



        A questo punto, montata tutta la struttura portante, e' stato posato il piano di calpestio, consistente in un tavolato di abete dello spessore di 27 mm., fissandolo con viti.
        Sopra di esso, e' stato poi posato il parquet (per la precisione, si è optato per laminato ad incastro)






        Quindi, e' stata installata scala d’accesso (la cui scelta, a causa del limitato spazio sul piano orizzontale, è caduta sulla tipologia a passo alternato, in gradi di dimezzarne lo sviluppo in profondità lasciando inalterata la larghezza della pedata); dopodiche' si e' proceduto al montaggio della balaustra (realizzata con elementi d’abete prefinti in fabbrica).






        Infine, e' stato realizzato l’impianto elettrico in corrispondenza del piano d’intradosso. Successivamente, son stati sagomati e posati i pannelli di cartongesso, disponendovi i faretti alogeni in corrispondenza delle asole precedentemente ricavate.










Realizzare un soppalco con struttura in legno


Cerca subito la parola
        Il soppalco che di seguito analizziamo è stato realizzato totalmente in legno (è stato usato l’abete, per la sua buona resistenza e contenuto prezzo), col supporto di squadre ad L in acciaio. Ciò ha consentito di evitare quasi totalmente opere murarie, dal momento che, come si vedrà, esso è stato letteralmente ancorato alle pareti circostanti.

        La prima operazione da fare è quella di misurare accuratamente l’area da soppalcare e di redigere uno schema della struttura portante. A tal proposito si evidenzia che, se la campata eccede i 3 metri, e' consigliabile "rinforzare" la struttura con appositi pilastri in legno intermedi (alla base dei quali van disposte adeguate piastre, onde evitare il pericoloso fenomeno del carico concentrato).
        Redigere lo schema della struttura portante consente di avere un quadro completo sia in capo ai quantitativi di legno da usare (e quindi del prezzo), che delle relative dimensioni. Inoltre, grazie a tal schema progettuale, si perverra' ad una notevole semplificazione del lavoro, giacchè molti elementi si potranno portare in cantiere già tagliati alla giusta misura, secondo le indicazione dello schema stesso.
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
Condividi su Facebook
Condividi questa pagina
Aggiungici ai tuoi contatti