Il Rendering è un termine della lingua inglese che in senso ampio indica la resa grafica, ovvero un'operazione compiuta da un disegnatore per produrre una rappresentazione di qualità di un oggetto o di una architettura (progettata o rilevata). In tempi relativamente recenti ha assunto un valore essenzialmente riferito all'ambito della computer grafica; dove identifica il processo di "resa" ovvero di generazione di un'immagine a partire da una descrizione matematica di una scena tridimensionale interpretata da algoritmi che definiscono il colore di ogni punto dell'immagine.
Il Foto-Rendering




        È uno dei temi meno importanti dello studio tridimensionale e in pratica è relazione con tutti gli altri. Nella pipe è l'ultimo importante stadio e fornisce l'aspetto finale al modello e all'animazione.

        Con il crescente perfezionamento della grafica computerizzata dal 1970 in avanti è diventato un oggetto di studio e ricerca sempre più importante. È usato per: montaggio video,giochi per computer, simulatori, effetti visuali per film e serie TV, visualizzazione di progetti. Ciascuno con una differente combinazione di caratteristiche e tecniche.
        Sono disponibili in commercio un gran numero di motori di render, alcuni dei quali integrati nei più diffusi pacchetti di modellazione e animazione tridimensionale, alcuni altri indipendenti, altri ancora distribuiti come progetti open source.
        Quando l'elaborazione preliminare della scena (una rappresentazione wireframe solitamente) è completa, inizia la fase di rendering che aggiunge texture bitmap o texture procedurali, luci, bump mapping, e posizioni relative agli altri oggetti. Il risultato è un'immagine completa che è possibile vedere.
        Nel caso di animazioni per pellicole cinematografiche, molte immagini (fotogrammi) devono essere disegnate e assemblate in un programma capace di creare un'animazione di questo tipo. La maggior parte dei programmi di elaborazione 3D sono in grado di elaborare queste immagini.
        Grande importanza hanno i fenomeni visibili virtuali, che costituiscono l’elemento, forse, principale per ottenere dei risultati assai foto-realistici (lights, shading & shadows, reflection, transparency… ecc).
        Dall'interno, un renderizzatore è un programma progettato attentamente e basato su una combinazione selezionata di metodi relativi a: ottica, percezione visiva, matematica e ingegneria del software.
        Nel caso della grafica tridimensionale, il rendering è un processo lento e richiede un gran numero di elaborazioni da parte della CPU, oppure è assistito in tempo reale dagli acceleratori 3D delle schede grafiche (per i giochi tridimensionali).
        In ambito architettonico, il foto-rendering consente di dare un’idea quanto più possibile prossima alla realizzazione finale dell’opera, consentendo di “attraversarla” e analizzarla in modo più realistico rispetto ad un semplice disegno.
        Chi deve eseguire il rendering di grandi quantità di immagini (per esempio quelle di una sequenza cinematografica) usa una rete di computer connessi tra loro, detta render farm.
        L'attuale stato dell'arte per la costruzione di scene in 3D per la creazione di film è il linguaggio di descrizione delle scene RenderMan creato dalla Pixar. (da confrontare con formati più semplici per la descrizione di un ambiente 3D come VRML o API come DirectX o OpenGL che sfruttano l'accelerazione hardware delle moderne schede grafiche).
        Altri popolari e potenti motori di render sono: Mental Ray, Vray, Brazil, Final Render, POV-Ray, Maxwell Render...

tratto da: wikipedia

Cerca subito la parola
        La descrizione è data in un linguaggio o in una struttura dati e deve contenere la geometria, il punto di vista, le informazioni sulle caratteristiche ottiche delle superfici visibili e sull'illuminazione.(presentazione fotorealistica) è, in ambito informatico, il processo di generazione di un'immagine a partire da una descrizione degli oggetti tridimensionali per mezzo di un programma per computer. La descrizione è data in un linguaggio o in una struttura dati definiti rigorosamente e deve contenere la geometria, il punto di vista, le informazioni sulla mappatura delle superfici visibili e sull' illuminazione. L' immagine è una immagine digitale.
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
Condividi su Facebook
Condividi questa pagina
Aggiungici ai tuoi contatti