Isolare le pareti perimetrali




Isolare i ponti termici

        Si ha un ponte termico dove il comportamento termico di una parte dell’edificio è considerevolmente differente rispetto a quello di parti circostanti.
na scadente prestazione di isolamento termico porta ad un incremento delle perdite di calore e può provocare la diminuzione di temperatura della superficie interna dell’edificio tale da causare rischi di condensazione superficiale.
        La tecnica fotografica agli infrarossi permette di rilevare la presenza di ponti termici. Questi possono rappresentare fino al 30% del calore totale disperso. I ponti termici sono presenti in corrispondenza di travi, pilastri, davanzali, balconi ed anche in presenza di eterogeneità diffuse nella struttura quali i giunti di malta tra i blocchi dei cosiddetti termolaterizi.

        In sintesi le cause principali di un ponte termico sono:
- presenza di materiali diversi nella sezione dell’edificio (es. muratura di tamponamento in mattoni con struttura in cemento armato).
- discontinuità geometrica nella forma della struttura (es. angoli).
- interruzioni dello strato di isolamento termico (es. pilastri, travi marcapiano, serramenti, ecc.).
Effetti dei ponti termici
I principali effetti negativi dei ponti termici sono:

Perdite di calore
Le perdite di calore derivanti dai ponti termici incidono in modo notevole sulle perdite di calore dell’intero edificio. I ponti termici possono anche triplicare la trasmissione di calore in una sezione dell’edificio, pur rappresentando solo una minima parte della superficie stessa.

Condensazione
La condensazione superficiale è uno degli effetti più comuni dei ponti termici. Si manifesta quando i normali livelli dell’umidità relativa degli ambienti interni in condizione di comfort termico si combinano con una temperatura superficiale dell’involucro dell’edificio che ha valore più basso del punto di rugiada.
Isolare le pareti contro-terra

Benessere termoigrometrico
L’economia di esercizio ed il comfort ambientale dipendono in larga misura dal comportamento termico ed igrometrico dell’involucro esterno dell’edificio. In particolare il comportamento dei tamponamenti esterni dipende dai materiali che li compongono e dalla posizione dello strato isolante rispetto agli altri strati. L’isolante può essere posto sulla superficie interna, esterna, in intercapedine o quale barriera agli eventuali ponti termici.

Formazione di condensa
La temperatura superficiale delle murature può risultare, in mancanza di un adeguato isolamento termico, inferiore a quella necessaria per assicurare un adeguato comfort e ciò potrebbe causare la formazione di condensa.

Risparmio energetico
La normativa italiana sul risparmio energetico degli edifici, ex L. 10/91 (ved. DL 192/2005), impone un limite alle dispersioni di calore e pertanto impone di isolare termicamente le strutture.
Formazione delle muffe
La formazione delle muffe avviene quando si ha una particolare combinazione di temperatura, vapore e substrato favorevoli. I più comuni tipi di funghi (muffe) maturano in presenza di alti valori di umidità ed a basse temperature (0 - 15°C). Un ponte termico, a causa della contemporanea presenza di umidità relativa alta e bassa temperatura, crea le condizioni ideali per la formazione di muffe.

Danni alla superficie
Le variazioni cicliche della temperatura superficiale causano una polverizzazione dei materiali della struttura. E’ stato osservato come nel 44% dei casi questi danni superficiali siano dovuti alla presenza di ponti termici.

Diminuzione del comfort termico
Quando la temperatura superficiale interna di una parte della struttura (parete, pavimento, ecc.) è inferiore di almeno due o tre gradi rispetto alla temperatura dell’ambiente si avverte una sensazione di disagio in prossimità di tale superficie. Questo effetto è particolarmente evidente quando sono coinvolte ampie aree. Un tipico esempio è la zona di congiunzione tra un pavimento non isolato e la parete esterna. Per limitare tale disagio generalmente si innalza la temperatura dell’ambiente provocando in tal modo un’ulteriore perdita di energia.
Cerca subito la parola
Coibentare ed isolare
4: Isolare le Pareti
        Una componente importante delle dispersioni termiche che si verificano in un edificio si registra attraverso le pareti, attraverso i muri perimetrali, le fondazioni ed i ponti termici. Complessivamente tali dispersioni termiche possono raggiungere anche il 40% delle dispersioni totali in un edificio.
        L’isolamento delle murature è essenziale per ridurre la dispersione termica, ottenere notevoli economie di esercizio e sensibili vantaggi in termini di comfort abitativo.
        La corretta progettazione dell’isolamento delle pareti di edifici coinvolge un insieme di fattori quali la resistenza termica e meccanica dell’isolante, il suo corretto posizionamento e la sua capacità di controllare i flussi di vapore acqueo.
        In generale un buon isolamento termico delle pareti è indispensabile per i seguenti motivi:
        La tendenza a sfruttare e valorizzare tutti gli spazi dell’edificio porta a riscaldare anche i locali cantinati e quindi a doverne isolare le pareti interrate.

        L’isolamento termico di pareti e pavimenti a contatto con il terreno è un problema che richiede l’adozione di sistemi affidabili e duraturi.
        Il margine di rischio deve essere estremamente ridotto dato che, ultimata la costruzione, sarà molto oneroso intervenire con modifiche o sostituzioni in queste parti dell’edificio.

        Anche quando i locali sono parzialmente interrati ma il pavimento è realizzato a contatto col terreno può essere vantaggioso isolare la muratura interrata allo scopo di ridurre la dispersione del pavimento.
        L’intervento tecnicamente più soddisfacente è, in questi casi, quello dall’esterno, posando l’isolante contro il terreno, in quanto si realizza un sistema ottimale dal punto di vista igrotermico, sfruttando l’inerzia termica della muratura e non perdendo spazio all’interno dell’edificio.


(fonte: Styrofoam)
Per le altre schede, clicca sui seguenti pulsanti numerati
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
Condividi su Facebook
Condividi questa pagina
Aggiungici ai tuoi contatti