Il parquet prefinito e' il parquet più diffuso al momento. E' formato da uno strato di legno nobile ed un supporto in genere in legno “povero”. Nel 99% dei casi è “prelevigato” e “verniciato”, per cui non è necessario far altro che posarlo (a meno che non si vogliano fare trattamenti particolari, tipo “ceratura” o altro).

        A differenza del tradizionale “prelevigato e verniciato” questo tipo di parquet si apprezza per l'aspetto estetico ma anche per la stabilità, dovuta al fatto che la doga è composta da due strati, quello a vista in legno nobile e quello sottostante in compensato di abete o di più pregiata betulla (una scelta corretta dal punto di vista ecologico, perché la betulla ha un ciclo di vita più breve rispetto a legni esotici che richiedono più tempo per riprodursi).
Per le altre schede, clicca sui seguenti pulsanti numerati
Il Parquet
2: Il Parquet prefinito
(Listoni - Listonetto - Plancia - Strips)
        Le variazioni di temperatura ed umidità, che provocano movimenti nelle fibre naturali del legno, vengono difatti assorbite dai 2 strati citati (legno nobile + supporto) o 3 strati (legno nobile + supporto + legno nobile) da cui è compostoli parquet. Naturalmente il 3 strati è più stabile del 2 strati e per questo anche molto più costoso.
        Nella fattuispecie, il prefinito a tre strati si costituisce di uno strato superiore, in legno nobile selezionato, uno intermedio posto incrociato e uno inferiore controbilanciante. Si ottengono così plance di grandi dimensioni, di ottima struttura e stabilità che permettono anche la posa flottante.
        Queste essenze migliorano la "tenuta" del parquet, evitando imbarcamenti e deformazioni; la stabilità viene inoltre garantita dall'abbinamento fra lo strato superiore a fibre longitudinali e il supporto in multistrati con prevalenza di fibre trasversali. Il parquet prefinito è senz'altro preferibile quando si vuole rifare il pavimento in legno senza spostarsi da casa, evitando il disagio di un cantiere e il trasloco dei mobili: veloce e facile da posare, è calpestabile dopo un giorno dall'incollaggio dato che si evitano lamatura e verniciatura in opera.

        Rispetto al parquet massiccio, questo tipo di parquet è inizialmente più costoso a causa della tecnologia con la quale viene realizzato, costo che verrà recuperato  con minor prezzo per la posa in opera!
        Il parquet prefinito permette però l'utilizzo di formati più grandi e si può impiegare senza problemi anche in bagno e in cucina.
Esempi di parquet prefiniti (modelli "Lesto" ed "EcoParquet")
Tra i vantaggi rispetto ai parquet tradizionali, possiamo, quindi annoverare:
  • Maggior velocità di posa e utilizzazione del parquet;
  • Economicità della posa (si parte dai 15 €/mq).

Tra gli svantaggi, invece, abbiamo:
  • Minore durata (per il fatto che può essere levigato meno volte; dura comunque dai 30 ai 60 anni);
  • Minor potere isolante (Con supporto in legno, peraltro, questo aspetto incide relativamente).
        Sul mercato si trova essenzialmente parquet “prefinito” che parte da 10 mm, ad un prezzo al pubblico sui 35-60 €/mq.
         Il prezzo del parquet prefinito dipende essenzialmente da quattro fattori:

  • Essenza;
  • Strato di legno nobile, nel parquet si paga la quantità di legno impiegato, nel “parquet prefinto” lo spessore và dai 2,5mm fino ai 5-6mm;
  • Scelta, come per il parquet tradizionale è importante sapere che la scelta non riguarda la qualità del materiale ma solo il disegno del legno. La scelta migliore è il “rigatino” contraddistinto da venature del legno quasi parallele tra loro; poi c’è la “prima scelta”, la “seconda scelta” e il “nodino”: la differenza è nel numero di nodi presenti per mq e nel fatto che le striature siano più o meno parallele;
  • Lunghezza del listello, si va dai 220mm fino ai maxi listoni di oltre 2000mm, carissimi

fonti: Exportare - Torino Parquet
        Un'ultima precisazione concerne il parquet impellicciato o stratificato, caratterizzato da uno strato di legno molto sottile (in genere di 1mm). Visivamente, l’effetto è simile al parquet prefinto; per riconoscerlo, bisogna guardandolo lateralmente misurandone lo strato di legno. Le differenze concernono nel prezzo, nel minor potere isolante e nella minore durata (in generale, gli impellicciati non possono essere levigati), sebbene, con supporti particolari (HDF) e speciali verniciature, possono arrivare anche a superare la durata di un prefinto classico.
1
2
3
4
5
6
7
8
Cerca subito la parola
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
.....in costruzione.....
Condividi su Facebook
Condividi questa pagina
Aggiungici ai tuoi contatti